giovedì 29 Luglio 2021

Acquista

Login

Registrati

Addio al comandante Salvatore Barone presidente di Castalia

Ha creato un sistema di pronto intervento in caso di sversamento in mare pressoché unico nel Mediterraneo, in grado di confrontarsi con le nuove grandi sfide dell’inquinamento marino. Ci mancherà

Salvatore Barone, il Comandante per tutti noi, è stato un caro amico di Legambiente e del mare. Per lunghi anni a capo del Consorzio Castalia, ha saputo portare “l’odore d’olio e mare” delle banchine portuali nelle stanze ovattate del Parlamento e nei lunghi corridoi ministeriali creando e modellando, anno dopo anno, un sistema di pronto intervento in caso di sversamento in mare pressoché unico nel Mediterraneo. Con lui le navi gialle di Castalia ed i marittimi a bordo hanno acquisito maggior peso, ruolo e dignità trovando la forza e la capacità di confrontarsi con le nuove grandi sfide dell’inquinamento marino. Di un’eleganza novecentesca, Salvatore aveva la passione e la visione tipiche di chi va per mare alla ricerca di nuove rotte e promanava quella fiducia che sai per certo ti condurrà in un porto sicuro. Per anni lo abbiamo avuto discretamente al nostro fianco in tante battaglie in difesa del mare, contro piccoli e grandi inquinamenti, per il recupero delle plastiche galleggianti, a tutela delle aree marine protette. Ed è stato per tutti noi un solido punto di riferimento. Ora ci mancherà, ci mancheranno le sue idee e la sua tenacia, ma più ancora il suo sorriso. Buon vento, Comandante!

Sebastiano Venneri – Legambiente

Un uomo gentile e competente Salvatore Barone, il ‘Comandante’, aveva uno stile inimitabile: frutto di una vita spesa per il mare, che amava e insegnava a rispettare.  Un gentiluomo di altri tempi che ha interpretato in Castalia un ruolo di rara sintesi e ha permesso al Consorzio di diventare un’eccellenza italiana. Sentiremo la sua mancanza, io e il mio collega Giampaolo Ridolfi, certo per motivi legati alla nostra professione ma soprattutto per il suo straordinario modo di fare, sempre accogliente e affabile con i suoi ospiti. Porteremo con noi il ricordo di un signore distinto, grazie anche alle immagini fissate nella mente di un paio di viaggi che abbiamo condiviso tra l’isola del Giglio e Lampedusa: sullo sfondo di quel mare che ha segnato tutta la sua vita.

Luca Biamonte – Nuova Ecologia

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Napoli, maxi operazione contro i datterari: 18 arresti

123 indagati, 245 capi di imputazione, 3mila euro di danno per metro quadrato, oltre 6 chilometri di costa devastata. Sono i numeri della vasta operazione portata a termine  dalla Procura di Torre Annunziata e dalla Capitaneria di Porto

Il naufragar m’è dolce in questo mare (di libri)

Dal mensile. Da Omero alla letteratura contemporanea del Nord Europa, dai romanzi di Melville alle poesie di Rimbaud. Un’immersione nelle profondità della letteratura

Un oceano in miniatura

Dal mensile. Il Mediterraneo è un distillato di tutte le sfide e le contraddizioni che ritroviamo su scala globale, dalle temperature medie sempre più calde all’invasione di specie aliene

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Napoli, maxi operazione contro i datterari: 18 arresti

123 indagati, 245 capi di imputazione, 3mila euro di danno per metro quadrato, oltre 6 chilometri di costa devastata. Sono i numeri della vasta operazione portata a termine  dalla Procura di Torre Annunziata e dalla Capitaneria di Porto

Il naufragar m’è dolce in questo mare (di libri)

Dal mensile. Da Omero alla letteratura contemporanea del Nord Europa, dai romanzi di Melville alle poesie di Rimbaud. Un’immersione nelle profondità della letteratura

Un oceano in miniatura

Dal mensile. Il Mediterraneo è un distillato di tutte le sfide e le contraddizioni che ritroviamo su scala globale, dalle temperature medie sempre più calde all’invasione di specie aliene

Roberto Danovaro: “Per vivere bene sul pianeta abbiamo bisogno dell’oceano sano”

Dal mensile. Professore di Biologia marina e presidente della Stazione zoologica “Anton Dohrn”, spiega perché è importante studiare i mari e quanto resta ancora da fare per tutelare quelli italiani

Scrigno d’acqua

Dal mensile. Biodiversità, cibo, energia, materie prime. I servizi ecosistemici che rendono possibile la vita sulla Terra possono nutrire l’economia del futuro. Se gli ecosistemi marini saranno ben tutelati
Ridimensiona font
Contrasto