sabato 28 Novembre 2020

Acque limpide senza inverno

Dal mensile di giugno – Le restrizioni legate al Coronavirus hanno sospeso molte attività produttive, ma allo stesso tempo hanno allentato la pressione sugli ecosistemi. Da molte parti, si sono levate voci inneggianti al presunto miracolo della natura rediviva, finalmente in grado di riprendersi quegli spazi finora impietosamente sottratti dalla sfera antropica. In contemporanea al famoso lockdown, ci siamo ritrovati: grandi città, come Napoli, lambite da acque “caraibiche”; lagune, come a Venezia, che, abbandonato il caratteristico colore verde-marrone per una più tranquillizzante trasparenza, “invogliavano” meduse a fare turismo tra i canali deserti; e poi, i delfini così vicini alle coste da essere visti dai balconi delle case!

Ma sarà stata vera gloria? Chi studia il mare sa bene che una buona parte dell’inquinamento non si mostra facilmente agli occhi umani e continua a essere lì, in mare, con buona pace del lockdown. Pensiamo ai metalli pesanti, agli idrocarburi e alle microplastiche, che si accumulano da decenni, fin dentro ai canyon sottomarini, a migliaia di metri di profondità, un serbatoio nocivo riempitosi in un secolo di abuso della natura. Gli stock ittici sono sempre e comunque in affanno, prossimo al collasso, minacciati da una popolazione mondiale da sfamare. Se poi parliamo di acque limpide, teniamo presente che è del tutto normale che quelle del mare sotto costa siano verdine nel corso della primavera, per le microalghe che vi fioriscono e che sono il cibo primario degli animali più piccoli, mentre risulta strano che esse siano cristalline durante quella che è la stagione più produttiva. Il 2020 passerà alla storia per il Coronavirus, vero. Ma è anche stato un anno “senza inverno”, cosa che plausibilmente ha impattato i cicli naturali ben peggio di quanto, seppur in meglio, abbia potuto fare il lockdown.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Domenico D'Alelio
Ecologo acquatico, ricercatore alla Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli e vice presidente dell'Associazione italiana di oceanologia e limnologia

Articoli correlati

Messico, attivista ambientale sequestrato da 33 giorni

È Miguel Vasquez, trent'anni in difesa della natura, per bloccare le centrali idroelettriche. Presunti rapitori hanno fatto sparire ogni traccia

Al via la campagna “Compostabile, una scelta naturale” sul corretto smaltimento di biopolimeri

Vanno nell’umido insieme agli scarti di cucina, per essere trasformati in compost. BioTable e Legambiente per un’economia circolare

Le regioni con maggiori fragilità sociali sono anche quelle con più criticità ambientali

È quanto emerge dal rapporto "Territori civili. Indicatori, mappe e buone pratiche verso l’ecologia integrale" di Caritas e Legambiente che racconta il territorio italiano

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,147FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Messico, attivista ambientale sequestrato da 33 giorni

È Miguel Vasquez, trent'anni in difesa della natura, per bloccare le centrali idroelettriche. Presunti rapitori hanno fatto sparire ogni traccia

Al via la campagna “Compostabile, una scelta naturale” sul corretto smaltimento di biopolimeri

Vanno nell’umido insieme agli scarti di cucina, per essere trasformati in compost. BioTable e Legambiente per un’economia circolare

Le regioni con maggiori fragilità sociali sono anche quelle con più criticità ambientali

È quanto emerge dal rapporto "Territori civili. Indicatori, mappe e buone pratiche verso l’ecologia integrale" di Caritas e Legambiente che racconta il territorio italiano

Armi, secondo la Legge di Bilancio nel 2021 verranno spesi 6 miliardi di euro

Campagna Sbilanciamoci e Rete Italiana Pace e Disarmo: "Per noi è chiaro. Più sanità e istruzione, meno armamenti"

Alluvione a Crotone, “per l’emergenza climatica il tempo è scaduto”

Appello di Legambiente Calabria dopo l'ennessimo disastro ambientale nella città calabrese. La presidente Anna Parretta: "Indispensabile che la Regione Calabria affronti l’emergenza climatica a partire dai nodi irrisolti del dissesto idrogeologico, dell’abusivismo edilizio e delle scelte urbanistico-edilizie totalmente errate”