venerdì 24 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Acque limpide senza inverno

Dal mensile di giugno – Le restrizioni legate al Coronavirus hanno sospeso molte attività produttive, ma allo stesso tempo hanno allentato la pressione sugli ecosistemi. Da molte parti, si sono levate voci inneggianti al presunto miracolo della natura rediviva, finalmente in grado di riprendersi quegli spazi finora impietosamente sottratti dalla sfera antropica. In contemporanea al famoso lockdown, ci siamo ritrovati: grandi città, come Napoli, lambite da acque “caraibiche”; lagune, come a Venezia, che, abbandonato il caratteristico colore verde-marrone per una più tranquillizzante trasparenza, “invogliavano” meduse a fare turismo tra i canali deserti; e poi, i delfini così vicini alle coste da essere visti dai balconi delle case!

Ma sarà stata vera gloria? Chi studia il mare sa bene che una buona parte dell’inquinamento non si mostra facilmente agli occhi umani e continua a essere lì, in mare, con buona pace del lockdown. Pensiamo ai metalli pesanti, agli idrocarburi e alle microplastiche, che si accumulano da decenni, fin dentro ai canyon sottomarini, a migliaia di metri di profondità, un serbatoio nocivo riempitosi in un secolo di abuso della natura. Gli stock ittici sono sempre e comunque in affanno, prossimo al collasso, minacciati da una popolazione mondiale da sfamare. Se poi parliamo di acque limpide, teniamo presente che è del tutto normale che quelle del mare sotto costa siano verdine nel corso della primavera, per le microalghe che vi fioriscono e che sono il cibo primario degli animali più piccoli, mentre risulta strano che esse siano cristalline durante quella che è la stagione più produttiva. Il 2020 passerà alla storia per il Coronavirus, vero. Ma è anche stato un anno “senza inverno”, cosa che plausibilmente ha impattato i cicli naturali ben peggio di quanto, seppur in meglio, abbia potuto fare il lockdown.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Domenico D'Alelio
Ecologo acquatico, ricercatore alla Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli e vice presidente dell'Associazione italiana di oceanologia e limnologia

Articoli correlati

Al via il Global Climate Strike, insieme per il clima e l’ambiente

Migliaia di giovani in piazza sull'onda lunga dei venerdì di Greta. E parte anche Puliamo il Mondo, che sostiene a gran voce i tanti ragazzi che in tutto il mondo scioperano per chiedere ai Grandi della Terra azioni concrete per il Pianeta

Forum Acque – Conferenza finale Progetto Life ESC VisPO

Al via la prima edizione del Forum Acque in Piemonte, momento di dialogo per affrontare le sfide del futuro, rappresentate dal cambiamento climatico e dalla pressione antropica sulla risorsa idrica

Sessant’anni fa la prima Marcia per la pace

Dal numero di settembreEra il 24 settembre 1961 quando Aldo Capitini organizzò l'appuntamento intorno al quale è cresciuto il movimento nonviolento italiano. Il nostro speciale con le voci dei protagonisti di ieri e di oggi: "Un mondo diverso è sempre possibile"

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

In Italia è boom di tartarughe marine

In queste settimane la schiusa delle uova deposte nei nidi, cui segue l'ingresso dei piccoli in mare. Legambiente stima che quest'anno siano oltre 10 mila quelli con passaporto italiano

Benessere animale, le associazioni: “Etichettatura senza modifiche tradisce i consumatori”

La certificazione volontaria che deve essere votata in Conferenza Stato-Regioni garantirebbe priorità di accesso a fondi Pac e Pnrr. Ma senza modifiche sarebbe solo l’ennesimo regalo agli allevamenti intensivi. L’allarme degli ambientalisti

“The denial”, lo spot di Fridays for Future in occasione del 24 settembre

Il prossimo sciopero globale del clima è annunciato da un video dal carattere metaforico. Negare la crisi climatica è come correre verso un muro
Ridimensiona font
Contrasto