Acqua, un villaggio del Michigan contro Nestlè

Dal Twin Creek.  la Nestlè  estrae 950 litri al minuto per soli 200 dollari l’anno.  Ed con nuova stazione di pompaggio, intende quasi raddoppiare l’estrazione dell’acqua. Ma la cittadina Osceola Township non ci sta /Appuntamento a Brasilia per il World water forum

Nestlè contro villaggio nel MichiganÈ guerra dell’acqua, nel Michigan, tra la Nestlè e un piccolo villaggio di poco più di 1.100 abitanti. Si tratta di Osceola Township, sulle rive del Twin Creek. Da questo fiume la Nestlè  estrae 950 litri al minuto.  Ed con nuova stazione di pompaggio, intende quasi raddoppiare l’estrazione dell’acqua, portandola a 1.500 litri al minuto. “Non bisogna essere un geologo per rendersi conto che il livello del fiume, da quando si è insediata Nestlè, ha iniziato a calare”, ha dichiarato all’agenzia France Presse il primo cittadino di Osceola Township, Tim Ladd.

A gennaio, un giudice aveva preso posizione sulla controversia, indicando che il progetto sta mettendo a rischio il bacino idrografico del Twin Creek. 

Al villaggio del Michigan  non va giù che, per pompare circa 500 milioni di litri all’anno, la multinazionale dia allo Stato del Michigan solo 200 dollari. “Ma paghiamo 2,4 milioni di tasse e abbiamo creato 280 posti di lavoro”, replica Nestlè. 

Intanto il mercato statunitense delle acque minerali ha raggiunto i 16,42 miliardi di dollari d’affari. La sola Nestlè si è ritagliata un quarto di questa cifra.