giovedì 25 Febbraio 2021

Acquista

Login

Registrati

Acqua, approvata da 20 anni la direttiva quadro non è ancora rispettata

fiume Isonzo
L’acqua è un bene prezioso che diamo troppo spesso per scontato. Nella vita di tutti i giorni infatti siamo troppo poco attenti ai piccoli o grandi gesti che facciamo e che potrebbero inquinarla o sprecarla. Eppure in pochi sanno che ben il 60% dei nostri fiumi e laghi non è in buono stato e molti di quelli in stato buono o elevato, secondo le definizioni stabilite dalla Direttiva Quadro Acque 2000/60, non sono protetti adeguatamente.

Secondo uno studio dell’Ipbes (Intergovernamental science-policy platform on biodiversity and ecosystem services) gli ecosistemi acquatici sono risultati tra i più degradati al mondo mentre secondo l’Agenzia europea per l’ambiente (Eea) gli impatti chiave che i cambiamenti climatici avranno sull’Europa sono l’aumento della siccità, delle forti piogge e delle inondazioni. Il prossimo decennio sarà cruciale per contrastare la crisi climatica e proteggere l’ambiente soprattutto per quanto riguarda l’accesso all’acqua.  Il Global Risks Report 2020 del World Economic Forum ha stabilito che la crisi idrica è stato uno dei primi 5 rischi globali per 5 anni consecutivi (2015-2020).

Eppure gli strumenti per proteggere, salvaguardare e migliorare lo stato dei corpi idrici e degli ecosistemi esistono da almeno 20 anni. Questo è il tempo passato infatti dall’entrata in vigore della Direttiva quadro acque (DQA) che stabiliva per il 2015 il raggiungimento del buono stato ecologico e chimico di tutti corpi idrici, dalle acque superficiali a quelle sotterranee fino ad arrivare a quelle marine costiere. Obiettivi ambiziosi che non sono stati raggiunti dagli Stati membri, Italia compresa, e che sono stati attualmente rimandati al 2027. Forte però è la nostra preoccupazione perché molti Paesi vogliono ulteriormente rinviare la data di raggiungimento degli obiettivi cercando di indebolire e affievolire le misure necessarie da mettere in campo.  

La piena attuazione della DQA invece ha un ruolo strategico e fondamentale nell’adattamento ai cambiamenti climatici. Infatti il raggiungimento degli obiettivi previsti permetterebbe di migliorare lo stato ecologico dei corpi idrici, restituire spazio ai fiumi, ridurre l’alterazione idrologica, mitigare il rischio di alluvioni attraverso misure di ritenzione naturale delle acque e rinaturazione. Tutte misure su cui, in particolare in Italia, siamo in forte ritardo.

Ben 375.000 cittadini, 6.000 scienziati e oltre 130 organizzazioni europee della società civile – tra cui Legambiente – hanno chiesto a gran voce ai propri rappresentanti istituzionali di assumere durante il dibattito in corso in questi mesi sui tavoli internazionali una posizione forte a sostegno del mantenimento della Direttiva Quadro sulle Acque nella sua forma attuale. Abbiamo chiesto anche noi al Ministro dell’Ambiente di impegnarsi concretamente per la piena attuazione della DQA in Italia per garantire acqua di buona qualità e quantità per noi e per le generazioni future.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Andrea Minutolo
Responsabile scientifico di Legambiente

Articoli correlati

Nasce l’Osservatorio indipendente sul Piano nazionale di ripresa e resilienza

A lanciare l'iniziativa sono un gruppo di organizzazioni della società civile che chiedono al Governo Draghi pieno coinvolgimento nella definizione del Pnrr. Tra queste c'è anche Legambiente

Cambiamenti climatici, in Europa ogni anno danni per 12 miliardi di euro

La cifra potrebbe aumentare addirittura a 170 miliardi nel caso in cui le temperature dovessero aumentare ulteriormente. La Commissione Ue vara una strategia di adattamento con la creazione di un nuovo osservatorio sul clima e la salute

Ecoforum Basilicata 2021

Le sfide dell'economia circolare

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Volontariato in tempi di pandemia, le nuove proposte di Legambiente

Imprese e Terzo Settore insieme per la sostenibilità ambientale. Il 23 febbraio il 7° workshop: tutela dell'ambiente, valori sociali e solidarietà. Nasce la “carta d'identità del volontariato aziendale”

Emissioni, per raggiungere target Ue bisogna decarbonizzare caldaie e riscaldamenti

La campagna #Coolproducts con Legambiente e Kyoto Club: servono nuove etichette energetiche e target più ambiziosi già a partire dal 2023

Gli scienziati all’UE: “No alle gabbie negli allevamenti”

Più di 140 scienziati, tra cui la primatologa Jane Goodall, hanno firmato la lettera conto le gabbie indirizzata alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen

Cobalto in Congo, mai più schiavi delle risorse

Buona parte del cobalto che alimenta i nostri pc portatili si trova in Repubblica Democratica del Congo, dove ieri sono stati uccisi il nostro ambasciatore Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e il loro autista. Eppure il Paese rimane uno dei più poveri del pianeta

“Il mare è fonte di vita”. L’intervista a Nicola Sammarco, ideatore di Nicopò

La prima serie animata in cui l’entertainment incrocia i temi ambientali. Sullo sfondo Taranto, i fantasmi dell'Ilva e il sogno di cambiare la città
Ridimensiona font
Contrasto