martedì 26 Gennaio 2021

Accelerazione verso il confine

atlante OceaniLa nostra società dipende sempre più dal mare, dal quale provengono risorse di ogni genere, come cibo, ma anche additivi nutrizionali impiegati nella produzione alimentare, o materiali come idrocarburi, minerali e terre rare, acqua destinata a processi di desalinizzazione, e “risorse genetiche” identificate nel dna di organismi marini e utili nei processi industriali. Dal mare arriva anche spazio per trasporti, condotte di gas e cavi, parchi eolici, esercitazioni militari, turismo e aree protette; il mare delimita i confini tra Paesi ma è anche terra di nessuno che molti reclamano, oggi che il cambiamento climatico sta espandendo il confine blu, fondendo ghiacci perenni e invadendo terre emerse.

La nuova corsa all’oro blu, definita “accelerazione blu” e spinta dall’idea che gli oceani diano sostegno inesauribile alla crescita economica, sta facendo decollare il livello di competizione in mare per accaparrarsi risorse apparentemente abbondanti. Una competizione sovranazionale, ma anche tra ambiti diversi all’interno della stessa nazione: ad esempio, in Norvegia, traffico marittimo, pesca industriale, acquacoltura, turismo da crociera ed estrazione petrolifera insistono tutte sulla medesima porzione di mare. Come favorire la coesistenza tra attività economiche, garantendo una ripartizione delle risorse sostenibile e orientata all’equità? Serve uno sforzo senza precedenti di governance internazionale e locale allo stesso tempo, informata dalla scienza e che parta dalla consapevolezza del legame indissolubile fra umanità e mare, dove questo non è solo cruciale per il nostro sviluppo ma è anche sottoposto a un continuo cambiamento di stato, sempre più accelerato, a mano a mano che si posiziona al centro dell’economia.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Domenico D'Alelio
Ecologo acquatico, ricercatore alla Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli e vice presidente dell'Associazione italiana di oceanologia e limnologia

Articoli correlati

Fusione dei ghiacci a ritmi record, dal ’94 persi 28 trilioni di tonnellate

Il primo studio effettuato con dati satellitari da un gruppo di ricerca dell'Università di Leeds conferma che il fenomeno è ormai in linea con gli scenari più preoccupanti previsti dagli esperti

Il biometano al centro della campagna Unfakenews contro le bufale ambientali

Prosegue l'impegno di Legambiente e Nuova Ecologia per fare chiarezza su temi ostacolati dall'opinione pubblica. Questo mese il biocombustibile a km0

Biometano, ecco le risposte che cerchi

È al centro della campagna Unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia contro le bufale ambientali. Non c'è spazio per i dubbi

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Il biometano al centro della campagna Unfakenews contro le bufale ambientali

Prosegue l'impegno di Legambiente e Nuova Ecologia per fare chiarezza su temi ostacolati dall'opinione pubblica. Questo mese il biocombustibile a km0

Biometano, ecco le risposte che cerchi

È al centro della campagna Unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia contro le bufale ambientali. Non c'è spazio per i dubbi

Emilia-Romagna a biogas, una regione circolare

Transizione verso le rinnovabili, ottimizzazione della differenziata e riduzione degli spandimenti fuori legge. Sono i vantaggi degli impianti a biometano

Life Delfi, cresce la rete di soccorso dei mammiferi marini in difficoltà

Nel primo anno di attività il progetto europeo ha permesso di formare e attivare i futuri rescue team che interverranno in mare o sulle coste per salvare cetacei spiaggiati o rimasti impigliati nelle reti da pesca

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente