martedì 26 Ottobre 2021

Acquista

Login

Registrati

Accelerazione verso il confine

atlante OceaniLa nostra società dipende sempre più dal mare, dal quale provengono risorse di ogni genere, come cibo, ma anche additivi nutrizionali impiegati nella produzione alimentare, o materiali come idrocarburi, minerali e terre rare, acqua destinata a processi di desalinizzazione, e “risorse genetiche” identificate nel dna di organismi marini e utili nei processi industriali. Dal mare arriva anche spazio per trasporti, condotte di gas e cavi, parchi eolici, esercitazioni militari, turismo e aree protette; il mare delimita i confini tra Paesi ma è anche terra di nessuno che molti reclamano, oggi che il cambiamento climatico sta espandendo il confine blu, fondendo ghiacci perenni e invadendo terre emerse.

La nuova corsa all’oro blu, definita “accelerazione blu” e spinta dall’idea che gli oceani diano sostegno inesauribile alla crescita economica, sta facendo decollare il livello di competizione in mare per accaparrarsi risorse apparentemente abbondanti. Una competizione sovranazionale, ma anche tra ambiti diversi all’interno della stessa nazione: ad esempio, in Norvegia, traffico marittimo, pesca industriale, acquacoltura, turismo da crociera ed estrazione petrolifera insistono tutte sulla medesima porzione di mare. Come favorire la coesistenza tra attività economiche, garantendo una ripartizione delle risorse sostenibile e orientata all’equità? Serve uno sforzo senza precedenti di governance internazionale e locale allo stesso tempo, informata dalla scienza e che parta dalla consapevolezza del legame indissolubile fra umanità e mare, dove questo non è solo cruciale per il nostro sviluppo ma è anche sottoposto a un continuo cambiamento di stato, sempre più accelerato, a mano a mano che si posiziona al centro dell’economia.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Domenico D'Alelio
Ecologo acquatico, ricercatore alla Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli e vice presidente dell'Associazione italiana di oceanologia e limnologia

Articoli correlati

“I mercati del carbonio non sono progettati per ridurre le emissioni”. L’intervista a Larry Lohmann

Il ricercatore dell’organizzazione britannica The Corner House spiega i limiti dei meccanismi di finanziarizzazione della natura

Diritti umani e dell’ambiente, dal non profit nasce la campagna “Impresa 2030”

Ben 16 milioni di persone sottoposte a forme moderne di schiavitù lungo le filiere produttive. Le organizzazioni di categoria propongono una norma di due diligence che imporrà alle imprese di adottare pratiche efficaci nel garantire il rispetto dei diritti umani e degli ecosistemi

Ecomondo e Key energy, dove passa la transizione ecologica dell’Italia

Alla Fiera di Rimini fino al 29 ottobre appuntamenti in presenza e in digitale per rimettere in connessione il mondo della pubblica amministrazione, quello finanziario e imprenditoriale

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

“I mercati del carbonio non sono progettati per ridurre le emissioni”. L’intervista a Larry Lohmann

Il ricercatore dell’organizzazione britannica The Corner House spiega i limiti dei meccanismi di finanziarizzazione della natura

Diritti umani e dell’ambiente, dal non profit nasce la campagna “Impresa 2030”

Ben 16 milioni di persone sottoposte a forme moderne di schiavitù lungo le filiere produttive. Le organizzazioni di categoria propongono una norma di due diligence che imporrà alle imprese di adottare pratiche efficaci nel garantire il rispetto dei diritti umani e degli ecosistemi

Tutte le strade portano a Glasgow

Gli anni da qui al 2030 saranno cruciali per contenere l’aumento della temperatura media globale entro 1,5 °C. Ecco perché la Cop26 deve essere il vertice dell’azione per combattere la crisi climatica

Centro Italia, prorogati i termini della campagna Alleva la speranza +

Continua l’impegno di Enel e Legambiente a favore delle aree terremotate. Fino al 30 novembre sulla piattaforma Planbee sarà possibile sostenere allevatori, allevatrici e imprenditori locali del turismo sostenibile, aiutandoli a realizzare il loro progetto di rinascita

Nascono gli ortofrutteti solidali

Accade in Sicilia, a Modica e Catania, grazie a un progetto ideato da AzzeroCO2. Privati, aziende, associazioni di volontariato e cooperative sociali insieme per rigenerare i territori e tutelare la biodiversità
Ridimensiona font
Contrasto