Abusivismo balneare, sequestrato un lido a Palermo

I sigilli sono stati posti dalla polizia municipale. La struttura era stata costruita lungo il litorale dell’Addaura in un’area marittima protetta

Palermo Addaura Sequestrato Lido

A Palermo la polizia municipale ha sequestrato una struttura turistica ricettiva lungo il litorale dell’Addaura. La struttura balneare era stata costruita in un’area marittima protetta all’interno della riserva naturale orientata regionale Punta Celeste, luogo definito sito d’interesse comunitario (Sic). 

Durante il sopralluogo i vigili hanno riscontrato che su una vasta porzione di scogliera era stata installata una struttura modulare di 300 metri quadri, composta da pedane in legno, impalcati, basette, pilastri e travi portanti infissi sugli scogli.

Dalle verifiche è emerso non solo che la struttura era priva di concessione demaniale ma anche dei requisiti strutturali, in quanto non era dotata di agibilità con destinazione d’uso compatibile con l’attività turistica ricettiva balneare. 

Il titolare è stato denunciato all’autorità giudiziaria per “aver invaso e occupato una porzione di demanio marittimo al fine di trarne profitto” e per avere deturpato e danneggiato l’area marina protetta.