martedì 26 Gennaio 2021

A Roma il Festival del verde e del paesaggio

immagine di un cartello con la scritta "Festival del verde e del paesaggio"

Terrazzi, balconi e giardini su uno spazio di 25.000 metri quadri espositivi: per ispirarsi, passeggiare, nutrire il proprio animo ecologico, in mezzo a ogni varietà e forma di piante. E tanto altro ancora, dalla moda alla gastronomia, ad arricchire un panorama vasto, dedicato a tutti gli aspetti del giardino urbano e del design d’interni. È il “Festival del verde e del paesaggio”, in programma dal 18 al 20 maggio al Parco pensile dell’Auditorium parco della musica a Roma.

Un’occasione di incontro per espositori, quali negozi di arredo per giardino ed editori del settore botanico, vivaisti che porteranno ogni sorta di pianta, dalle aromatiche a quelle più inusuali ed esotiche, visitatori e curiosi. Chiunque può passeggiare, soffermarsi, partecipare a laboratori per adulti e bambini. Sono numerose, infatti, le iniziative programmate fra eventi speciali e appuntamenti collaterali. C’è il teatro di Lorenza Zambon, che il 19 maggio porterà in scena “94 passi in giardino”, descritto come “un percorso intimo e anche visionario, un invito in un luogo segreto. Accogliente”. Ma ci sono anche altri appuntamenti sparsi nella tre giorni. L’elemento della fantasia si sposterà allora dal giardino al teatro, fino alla cucina, con il “Food festival” che proporrà stand per ogni tipo di palato: la freschezza del gelato, l’artigianalità delle birre, le immancabili pasta e pizza.

Un posto speciale è riservato a un giardino immaginario, che reinventa il concetto di verde e si apre a suggestioni e installazioni artistiche. “La Soglia: progetto per la porta di accesso al Festival del verde e del paesaggio”, a cura del Master di II livello in progettazione del paesaggio – PdP, vuole creare uno spazio ibrido, una soglia per l’appunto, fra l’architettura dell’Auditorium che ospita il festival e il paesaggio che vi è esposto. Nuove forme di verde entrano nel paesaggio con l’opera “Tinllandsia wall” di Paolo Michieli e Roberta Filippini: un progetto che mette al centro le nuvole di Tillandsia, piante che fanno parte della famiglia delle bromeliacee. E ci saranno anche “Happy garden”, giardino modulare di Chiara Sottosanti, e il “Giardino del ritorno” di Francesco e Luciano Cecchetti, dove “ogni elemento del giardino è un punto cardinale che, come le stelle, aiuta ad orientarsi”. Infine, un progetto che parla di ecosostenibilità, “Il giardino che scotta” del Vivaio Giromagi, e quello evocativo ed emozionale “Il giardino dei limoni come luogo dell’anima”, presentato da Greenatelier.

Articoli correlati

Fusione dei ghiacci a ritmi record, dal ’94 persi 28 trilioni di tonnellate

Il primo studio effettuato con dati satellitari da un gruppo di ricerca dell'Università di Leeds conferma che il fenomeno è ormai in linea con gli scenari più preoccupanti previsti dagli esperti

Il biometano al centro della campagna Unfakenews contro le bufale ambientali

Prosegue l'impegno di Legambiente e Nuova Ecologia per fare chiarezza su temi ostacolati dall'opinione pubblica. Questo mese il biocombustibile a km0

Biometano, ecco le risposte che cerchi

È al centro della campagna Unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia contro le bufale ambientali. Non c'è spazio per i dubbi

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Il biometano al centro della campagna Unfakenews contro le bufale ambientali

Prosegue l'impegno di Legambiente e Nuova Ecologia per fare chiarezza su temi ostacolati dall'opinione pubblica. Questo mese il biocombustibile a km0

Biometano, ecco le risposte che cerchi

È al centro della campagna Unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia contro le bufale ambientali. Non c'è spazio per i dubbi

Emilia-Romagna a biogas, una regione circolare

Transizione verso le rinnovabili, ottimizzazione della differenziata e riduzione degli spandimenti fuori legge. Sono i vantaggi degli impianti a biometano

Life Delfi, cresce la rete di soccorso dei mammiferi marini in difficoltà

Nel primo anno di attività il progetto europeo ha permesso di formare e attivare i futuri rescue team che interverranno in mare o sulle coste per salvare cetacei spiaggiati o rimasti impigliati nelle reti da pesca

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente