sabato 6 Marzo 2021

Acquista

Login

Registrati

A novembre caldo record, il 2020 sarà fra i tre anni con le temperature più alte di sempre

I dati del servizio Copernicus dicono che per l’Europa è stato l’autunno più caldo mai registrato, la regione della Siberia artica e subartica ha registrato temperature significativamente più calde della media del mese di novembre e la banchisa della regione ha raggiunto il secondo livello più basso registrato nel mese di novembre

 

Il servizio europeo di osservazione satellitare ha rivelato che le temperature medie globali nel mese di novembre 2020 sono state le più alte mai registrate nei precedenti mesi di novembre, con un chiaro stacco rispetto ai dati precedenti raccolti. Novembre è stato di circa 0,8°C al di sopra del periodo di riferimento standard di 30 anni del 1981-2010, più di 0,1°C al di sopra dei precedenti mesi di novembre più caldi del 2016 e 2019. Le temperature sono state per lo più superiori alla media in una vasta regione che copre gran parte dell’Europa settentrionale, della Siberia e dell’Oceano Artico. Temperature notevolmente superiori alla media si sono registrate anche in alcune parti degli Stati Uniti, in Sud America, in Africa meridionale, sull’altopiano tibetano, nell’Antartide orientale e in gran parte dell’Australia.

In Europa, le temperature di novembre 2020 sono state particolarmente elevate, il che ne fa il secondo mese di novembre più caldo insieme a quello del 2009 e di 0,2°C al di sotto della temperatura del novembre 2015. Al contrario, le temperature sono state più basse rispetto alla media in Asia centrale e nell’Antartide occidentale.

C3S (il servizio Copernicus) riferisce inoltre che le temperature medie autunnali in Europa sono state più alte degli autunni passati. Per l’autunno boreale 2020 (settembre, ottobre e novembre), le temperature europee sono state di 1,9°C al di sopra del periodo di riferimento standard, e 0,4°C in più rispetto alla temperatura media del 2006, l’autunno più caldo. La maggior parte dell’Europa ha registrato temperature superiori alla media in particolare nelle zone settentrionali e orientali del continente.

La regione Artica e soprattutto ampie zone della Siberia settentrionale hanno registrato temperature molto al di sopra della media per tutto il 2020, non solo durante il mese di novembre e l’autunno boreale. Lo stesso vale per la banchisa di questa regione, particolarmente bassa dall’inizio dell’estate. Anche qui, i dati di C3S mostrano che nel mese di novembre 2020 la banchisa ha raggiunto il livello più basso registrato nel mese di novembre dal 1979, quando sono iniziate le osservazioni satellitari.

A un solo mese dalla fine dell’anno, i dati di C3S per l’anno in corso mostrano che il 2020 è attualmente alla pari con il 2016, l’anno solare più caldo registrato, seguito di poco dal 2019. Sulla base dei dati provenienti da diversi set di dati globali e includendo i dati fino a ottobre, il WMO ha annunciato la scorsa settimana che il 2020 è destinato a diventare uno dei tre anni più caldi mai registrati. L’aggiunta di un altro mese di dati di C3S dimostra che il 2020 è ora ancora più vicino al record del 2016. Le temperature del 2020 potrebbero essere simili o leggermente superiori a quelle del 2016, a meno che l’anomalia della temperatura globale subisca un blocco tra novembre e dicembre, come già avvenuto in precedenza.

Nel 2020 l’Europa ha visto temperature di 0.5°C più alte rispetto a quelle del periodo gennaio – novembre  2019, il periodo più caldo mai registrato, e di almeno 0.4°C più calde rispetto allo stesso periodo di qualsiasi altro anno nel dataset di C3S.

“A livello globale, novembre è stato un mese eccezionalmente caldo rispetto ad altri mesi di novembre, e le temperature nell’Artico e nel nord della Siberia sono rimaste costantemente alte, con la banchisa alla sua seconda estensione più bassa nel mese di novembre. Questa tendenza è preoccupante ed evidenzia l’importanza di un monitoraggio completo dell’Artico, in quanto si sta riscaldando più velocemente del resto del mondo – commenta Carlo Buontempo, direttore di Copernicus Climate Change Service presso Ecmwf – Questi dati sono sintomi di un trend di riscaldamento a lungo termine e sottolineano che dobbiamo adottare misure per mitigare il rischio di impattare sul cambiamento climatico e, in ultima analisi, rispettare il limite fissato nell’Accordo di Parigi del 2015 di 1,5°C”.

LE RILEVAZIONI DI COPERNICUS

Temperatura dell’aria in superficie nel mese di novembre 2020

  • A livello globale novembre 2020 è stato il novembre più caldo mai registrato
  • Per l’Europa è stato il secondo più caldo mai registrato.
  • Le temperature sono state al di sopra della media del periodo 1981-2010 su una vasta regione che copre gran parte dell’Europa settentrionale, Siberia e Oceano Artico.
  • Le temperature sono state al di sotto della media in Asia centrale e Antartide occidentale.

Stato della banchisa nel mese di novembre 2020 

  • L’estensione della banchisa artica è stata la seconda più bassa registrata nel mese di novembre, a partire dal 1979.
  • Le concentrazioni di ghiaccio marino sono state al di sotto della media nei mari di Kara e di Barents settentrionale.
  • L’estensione della banchisa artica è vicina alla media, ma con grandi differenze in tutto il continente.

Temperatura dell’aria in superficie durante l’autunno boreale 2020

  • L’Europa ha vissuto l’autunno più caldo mai registrato, con temperature molto superiori alla media nel nord e nell’est.
  • Le principali regioni con temperature al di sopra e al di sotto della media a livello globale erano simili a quelle di novembre.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Berta Caceres, cinque anni in cerca di verità e giustizia

Avrebbe compiuto 50 anni ieri la leader indigena assassinata nel 2016 da un gruppo armato. A 5 anni dalla sua “semina” tante le iniziative lanciate dal Copinh. Come #unalberoperlavita, in memoria di chi è stato ucciso nel mondo per difendere ambiente e beni comuni

Città e mobilità sostenibili: il motore per il rilancio del Paese

Dall’8 marzo al 10 aprile la campagna di Legambiente 'Clean Cities: ripartiamo dalle città' per accelerare le politiche locali verso la transizione ecologica. Un viaggio di 14 tappe per una mobilità più sicura, più elettrica e più condivisa

Ambiente, Cingolani: “La transizione ecologica sia globale e antropologica”

Intervenuto alla Conferenza preparatoria della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile il ministro della Transizione Ecologica ha illustrato le sfide che il nuovo dicastero dovrà affrontare: “La visione è globale, ma le soluzioni devono essere innestate nel tessuto locale”

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Pnrr, Pefc Italia: “Cruciali gli investimenti nel settore del legno e delle foreste”

Investire nei materiali di origine legnosa per gli edifici, puntare sullo stoccaggio di CO<sub>2</sub> per contrastare la crisi climatica e incentivare la gestione attiva di boschi e foreste. Sono queste alcune proposte che Pefc Italia, ente promotore della gestione sostenibile delle foreste, avanza in occasione della revisione della prima bozza del Pnrr

Italiana Coke condannata dal Consiglio di stato ad adeguare l’impianto della Val Bormida

L'azienda impegnata nella distillazione di carbone fossile di importazione dovrà attenersi alle prescrizioni previste dall’Autorizzazione integrata ambientale. Soddisfatta Legambiente Liguria: “Servono garanzie rispetto alla gestione e al sostegno dei costi di bonifica del sito perché troppo spesso questi sono rimasti a carico del pubblico”

Anagni, tramonta l’idea di un parcheggio nell’area archeologica di Piscina

Con la delibera di Giunta del 16 febbraio scorso l’amministrazione comunale ha definitivamente abbandonato l’idea. Rita Ambrosino, presidente di Legambiente Anagni: “Soddisfatti di questa decisione”

Fukushima 10 anni dopo. Il nuovo numero di Nuova Ecologia

Si intitola "Uscita di sicurezza" il numero di marzo del mensile dedicato al nucleare e al deposito di rifiuti radioattivi che dovrà essere realizzato in Italia. Oggi alle 11.30 la presentazione in diretta sulle pagine Facebook di Legambiente e La Nuova Ecologia e su lanuovaecologia.it

Nessuna transizione senza trasformazione

Editoriale del direttore Francesco Loiacono al numero di marzo della Nuova Ecologia
Ridimensiona font
Contrasto