venerdì 24 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

A novembre caldo record, il 2020 sarà fra i tre anni con le temperature più alte di sempre

I dati del servizio Copernicus dicono che per l’Europa è stato l’autunno più caldo mai registrato, la regione della Siberia artica e subartica ha registrato temperature significativamente più calde della media del mese di novembre e la banchisa della regione ha raggiunto il secondo livello più basso registrato nel mese di novembre

 

Il servizio europeo di osservazione satellitare ha rivelato che le temperature medie globali nel mese di novembre 2020 sono state le più alte mai registrate nei precedenti mesi di novembre, con un chiaro stacco rispetto ai dati precedenti raccolti. Novembre è stato di circa 0,8°C al di sopra del periodo di riferimento standard di 30 anni del 1981-2010, più di 0,1°C al di sopra dei precedenti mesi di novembre più caldi del 2016 e 2019. Le temperature sono state per lo più superiori alla media in una vasta regione che copre gran parte dell’Europa settentrionale, della Siberia e dell’Oceano Artico. Temperature notevolmente superiori alla media si sono registrate anche in alcune parti degli Stati Uniti, in Sud America, in Africa meridionale, sull’altopiano tibetano, nell’Antartide orientale e in gran parte dell’Australia.

In Europa, le temperature di novembre 2020 sono state particolarmente elevate, il che ne fa il secondo mese di novembre più caldo insieme a quello del 2009 e di 0,2°C al di sotto della temperatura del novembre 2015. Al contrario, le temperature sono state più basse rispetto alla media in Asia centrale e nell’Antartide occidentale.

C3S (il servizio Copernicus) riferisce inoltre che le temperature medie autunnali in Europa sono state più alte degli autunni passati. Per l’autunno boreale 2020 (settembre, ottobre e novembre), le temperature europee sono state di 1,9°C al di sopra del periodo di riferimento standard, e 0,4°C in più rispetto alla temperatura media del 2006, l’autunno più caldo. La maggior parte dell’Europa ha registrato temperature superiori alla media in particolare nelle zone settentrionali e orientali del continente.

La regione Artica e soprattutto ampie zone della Siberia settentrionale hanno registrato temperature molto al di sopra della media per tutto il 2020, non solo durante il mese di novembre e l’autunno boreale. Lo stesso vale per la banchisa di questa regione, particolarmente bassa dall’inizio dell’estate. Anche qui, i dati di C3S mostrano che nel mese di novembre 2020 la banchisa ha raggiunto il livello più basso registrato nel mese di novembre dal 1979, quando sono iniziate le osservazioni satellitari.

A un solo mese dalla fine dell’anno, i dati di C3S per l’anno in corso mostrano che il 2020 è attualmente alla pari con il 2016, l’anno solare più caldo registrato, seguito di poco dal 2019. Sulla base dei dati provenienti da diversi set di dati globali e includendo i dati fino a ottobre, il WMO ha annunciato la scorsa settimana che il 2020 è destinato a diventare uno dei tre anni più caldi mai registrati. L’aggiunta di un altro mese di dati di C3S dimostra che il 2020 è ora ancora più vicino al record del 2016. Le temperature del 2020 potrebbero essere simili o leggermente superiori a quelle del 2016, a meno che l’anomalia della temperatura globale subisca un blocco tra novembre e dicembre, come già avvenuto in precedenza.

Nel 2020 l’Europa ha visto temperature di 0.5°C più alte rispetto a quelle del periodo gennaio – novembre  2019, il periodo più caldo mai registrato, e di almeno 0.4°C più calde rispetto allo stesso periodo di qualsiasi altro anno nel dataset di C3S.

“A livello globale, novembre è stato un mese eccezionalmente caldo rispetto ad altri mesi di novembre, e le temperature nell’Artico e nel nord della Siberia sono rimaste costantemente alte, con la banchisa alla sua seconda estensione più bassa nel mese di novembre. Questa tendenza è preoccupante ed evidenzia l’importanza di un monitoraggio completo dell’Artico, in quanto si sta riscaldando più velocemente del resto del mondo – commenta Carlo Buontempo, direttore di Copernicus Climate Change Service presso Ecmwf – Questi dati sono sintomi di un trend di riscaldamento a lungo termine e sottolineano che dobbiamo adottare misure per mitigare il rischio di impattare sul cambiamento climatico e, in ultima analisi, rispettare il limite fissato nell’Accordo di Parigi del 2015 di 1,5°C”.

LE RILEVAZIONI DI COPERNICUS

Temperatura dell’aria in superficie nel mese di novembre 2020

  • A livello globale novembre 2020 è stato il novembre più caldo mai registrato
  • Per l’Europa è stato il secondo più caldo mai registrato.
  • Le temperature sono state al di sopra della media del periodo 1981-2010 su una vasta regione che copre gran parte dell’Europa settentrionale, Siberia e Oceano Artico.
  • Le temperature sono state al di sotto della media in Asia centrale e Antartide occidentale.

Stato della banchisa nel mese di novembre 2020 

  • L’estensione della banchisa artica è stata la seconda più bassa registrata nel mese di novembre, a partire dal 1979.
  • Le concentrazioni di ghiaccio marino sono state al di sotto della media nei mari di Kara e di Barents settentrionale.
  • L’estensione della banchisa artica è vicina alla media, ma con grandi differenze in tutto il continente.

Temperatura dell’aria in superficie durante l’autunno boreale 2020

  • L’Europa ha vissuto l’autunno più caldo mai registrato, con temperature molto superiori alla media nel nord e nell’est.
  • Le principali regioni con temperature al di sopra e al di sotto della media a livello globale erano simili a quelle di novembre.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Al via il Global Climate Strike, insieme per il clima e l’ambiente

Migliaia di giovani in piazza sull'onda lunga dei venerdì di Greta. E parte anche Puliamo il Mondo, che sostiene a gran voce i tanti ragazzi che in tutto il mondo scioperano per chiedere ai Grandi della Terra azioni concrete per il Pianeta

Forum Acque – Conferenza finale Progetto Life ESC VisPO

Al via la prima edizione del Forum Acque in Piemonte, momento di dialogo per affrontare le sfide del futuro, rappresentate dal cambiamento climatico e dalla pressione antropica sulla risorsa idrica

Sessant’anni fa la prima Marcia per la pace

Dal numero di settembreEra il 24 settembre 1961 quando Aldo Capitini organizzò l'appuntamento intorno al quale è cresciuto il movimento nonviolento italiano. Il nostro speciale con le voci dei protagonisti di ieri e di oggi: "Un mondo diverso è sempre possibile"

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

In Italia è boom di tartarughe marine

In queste settimane la schiusa delle uova deposte nei nidi, cui segue l'ingresso dei piccoli in mare. Legambiente stima che quest'anno siano oltre 10 mila quelli con passaporto italiano

Benessere animale, le associazioni: “Etichettatura senza modifiche tradisce i consumatori”

La certificazione volontaria che deve essere votata in Conferenza Stato-Regioni garantirebbe priorità di accesso a fondi Pac e Pnrr. Ma senza modifiche sarebbe solo l’ennesimo regalo agli allevamenti intensivi. L’allarme degli ambientalisti

“The denial”, lo spot di Fridays for Future in occasione del 24 settembre

Il prossimo sciopero globale del clima è annunciato da un video dal carattere metaforico. Negare la crisi climatica è come correre verso un muro
Ridimensiona font
Contrasto