martedì 26 Gennaio 2021

A Marsiglia il mare torna in vita

foto di Marsiglia vista dal mare

In dieci anni, grazie a 401 barriere artificiali immerse in mare, le specie marine sono triplicate. Sono i risultati che la città di Marsiglia festeggia in questi giorni, a dieci anni appunto dall’installazione di barriere coralline per 30.000 metri cubi nei fondali della spiaggia del Prado: la più grande superficie artificiale del Mediterraneo e dell’Europa. Un’opera che ha permesso di contrastare la riduzione della biodiversità nell’area, in atto a causa dell’azione umana e all’elevata concentrazione di attività turistiche.

Tutto questo ha richiesto un impegno duraturo, costante e costoso. Dieci milioni di euro, per la precisione, suddivisi tra sei milioni destinati alla costruzione delle barriere e quattro per il costo del funzionamento e gli studi scientifici per il monitoraggio del progetto. Un impegno che ha prodotto una triplicazione delle specie marine presenti e un arresto del calo di biodiversità. Il sindaco di Marsiglia, Jean-Claude Gaudin, è fiero del risultato: “Abbiamo ripopolato l’ambiente marino, le specie sono tre volte più numerose e la biodiversità continua a crescere. Questo ci ha permesso di diventare un riferimento per i gestori e gli sviluppatori di progetti di barriere coralline artificiali”. L’opera è talmente monumentale, sostiene il sindaco, da costituire il “112esimo quartiere di Marsiglia”.

L’operazione è stata accuratamente studiata, installando i banchi artificiali in varie forme per permettere l’adattamento dei diversi tipi di fauna marina. In questo modo si crea un ecosistema favorevole anche per le zone circostanti, che beneficiano della ricchezza della fauna di questa spiaggia, situata fra il Parco nazionale delle insenature e il Parco marino della costa blu. Le ricadute sono importanti, sia sul piano sociale che su quello economico, per la presenza di specie di interesse per la pesca locale, anche se per ora in questo tratto di costa è vietata. Un vero e proprio tesoro, situato a 25 metri di profondità e custodito tra la Corniche, il lungomare di Marsiglia, e l’arcipelago del Frioul, suddiviso in sei “villaggi”. Come una città sommersa che torna a vivere dopo lungo tempo.

Articoli correlati

Fusione dei ghiacci a ritmi record, dal ’94 persi 28 trilioni di tonnellate

Il primo studio effettuato con dati satellitari da un gruppo di ricerca dell'Università di Leeds conferma che il fenomeno è ormai in linea con gli scenari più preoccupanti previsti dagli esperti

Il biometano al centro della campagna Unfakenews contro le bufale ambientali

Prosegue l'impegno di Legambiente e Nuova Ecologia per fare chiarezza su temi ostacolati dall'opinione pubblica. Questo mese il biocombustibile a km0

Biometano, ecco le risposte che cerchi

È al centro della campagna Unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia contro le bufale ambientali. Non c'è spazio per i dubbi

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Il biometano al centro della campagna Unfakenews contro le bufale ambientali

Prosegue l'impegno di Legambiente e Nuova Ecologia per fare chiarezza su temi ostacolati dall'opinione pubblica. Questo mese il biocombustibile a km0

Biometano, ecco le risposte che cerchi

È al centro della campagna Unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia contro le bufale ambientali. Non c'è spazio per i dubbi

Emilia-Romagna a biogas, una regione circolare

Transizione verso le rinnovabili, ottimizzazione della differenziata e riduzione degli spandimenti fuori legge. Sono i vantaggi degli impianti a biometano

Life Delfi, cresce la rete di soccorso dei mammiferi marini in difficoltà

Nel primo anno di attività il progetto europeo ha permesso di formare e attivare i futuri rescue team che interverranno in mare o sulle coste per salvare cetacei spiaggiati o rimasti impigliati nelle reti da pesca

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente