martedì 26 Gennaio 2021

A Maratea si rinnova il cammino di San Biagio

foto della statua di San Biagio

Sotto i piedi il mare, la macchia mediterranea che rincorre la costa e in sottofondo i lunghi canti intonati in una processione la cui storia si perde nei secoli. A Maratea ogni anno si ripercorre un sentiero utilizzato nell’antichità per raggiungere la costa, per celebrare il santo patrono della città: San Biagio. È la processione denominata “San Biagio va per la terra”, che apre i solenni festeggiamenti in onore del protettore del paese, il primo sabato del mese di maggio, nella parte superiore e antica di Maratea, il cosiddetto “Castello”. Qui, nella Basilica di San Biagio, nella Regia cappella, sono custodite le reliquie del santo (il torace e parte del cranio) e la statua del suo busto in argento, opera di Romano Vio e copia dell’originale di Domenico De Blasio, rubata e mai ritrovata.

Proprio sabato 5 maggio partirà questo singolare cammino di San Biagio, che coinvolgerà i cittadini marateoti, insieme ai visitatori che giungeranno appositamente per l’evento. Tradizionalmente, dal giovedì successivo, è prevista la discesa del santo verso il centro storico di Maratea. Si tratta della festa della traslazione, che prevede il passaggio della statua dalla basilica pontificia verso il borgo di Capo Casale trasportata da una congregazione dedicata al santo, la cui fondazione risale al Cinquecento. La statua percorre il sentiero montano da “Maratea di suso” (superiore) a “Maratea di giuso” (inferiore), completamente coperta da un mantello rosso porpora: simbolo della carica di vescovo di San Biagio di Sebaste, del suo martirio, ma anche della sua neutralità rispetto alle due comunità di Maratea che a lungo si sono contese la titolarità delle celebrazioni. Giunta nel centro storico, la statua viene scoperta e ad essa vengono consegnate le chiavi della città dal sindaco di Maratea. In seguito il santo viene portato in processione fino alla chiesa di Santa Maria Maggiore, detta chiesa madre. Nel fine settimana, in onore di San Biagio, il centro è popolato da una fiera, concerti, luminarie ed eventi.  Fino alla domenica successiva, quando la statua fa ritorno nel suo santuario, nella basilica che sorge sul monte San Biagio. A conclusione delle celebrazioni religiose, come di consueto, sono previsti concerti e fuochi d’artificio.

Prologo alla più affollata stagione estiva, l’occasione della ricorrenza religiosa, molto sentita dalla comunità, permette di avere una visione di ampio respiro del paesaggio del Golfo di Policastro, visibile dalla sommità del monte San Biagio. Un osservatorio privilegiato che ospita, oltre all’omonima basilica, l’imponente statua del Cristo redentore. Santi, cittadini, semplici viandanti, riuniti in una settimana di esplorazione di un paesaggio che diventa interiore ad ogni passo, immersi in un’idea di Maratea che è anche un ideale storico e fiabesco.

 

Per informazioni: maratea.info, visitmaratea.it

Articoli correlati

Fusione dei ghiacci a ritmi record, dal ’94 persi 28 trilioni di tonnellate

Il primo studio effettuato con dati satellitari da un gruppo di ricerca dell'Università di Leeds conferma che il fenomeno è ormai in linea con gli scenari più preoccupanti previsti dagli esperti

Il biometano al centro della campagna Unfakenews contro le bufale ambientali

Prosegue l'impegno di Legambiente e Nuova Ecologia per fare chiarezza su temi ostacolati dall'opinione pubblica. Questo mese il biocombustibile a km0

Biometano, ecco le risposte che cerchi

È al centro della campagna Unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia contro le bufale ambientali. Non c'è spazio per i dubbi

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Il biometano al centro della campagna Unfakenews contro le bufale ambientali

Prosegue l'impegno di Legambiente e Nuova Ecologia per fare chiarezza su temi ostacolati dall'opinione pubblica. Questo mese il biocombustibile a km0

Biometano, ecco le risposte che cerchi

È al centro della campagna Unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia contro le bufale ambientali. Non c'è spazio per i dubbi

Emilia-Romagna a biogas, una regione circolare

Transizione verso le rinnovabili, ottimizzazione della differenziata e riduzione degli spandimenti fuori legge. Sono i vantaggi degli impianti a biometano

Life Delfi, cresce la rete di soccorso dei mammiferi marini in difficoltà

Nel primo anno di attività il progetto europeo ha permesso di formare e attivare i futuri rescue team che interverranno in mare o sulle coste per salvare cetacei spiaggiati o rimasti impigliati nelle reti da pesca

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente