A Imperia riaffiora una discarica abusiva degli anni ’60 e ’70

Dopo le ultime piogge i rifiuti riemergono dall’argine del torrente Nervia a Camporosso (Imperia). Il sindaco: “Presto messa in sicurezza per bloccare l’erosione”. Poco distante un’oasi faunistica

foto del Torrente Nervia

Una discarica abusiva di rifiuti risalente agli anni ’60 e ’70, che era stata coperta da migliaia di metri cubi di terra, è riaffiorata dal torrente Nervia, in località Canei a Camporosso (Imperia), dopo le ultime piogge che hanno eroso l’argine ed ora si sta riversando sul corso d’acqua, provocando un danno ambientale. “Da quando si è abbassato il torrente, dopo le ultime piogge – spiega il sindaco di Camporosso, Davide Gibelli – è comparsa per un tratto di quindici metri una stratificazione di materiale plastico. Dobbiamo procedere quanto prima alla messa in sicurezza dell’area per bloccare l’erosione e far sì che i rifiuti non vadano più sul fiume”. Il sindaco annuncia che “sarà necessario adottare provvedimenti definitivi anche se non sarà facile considerato che si tratta di decine di migliaia di metri cubi di terra e rifiuti su un terreno in parte privato”. Alla foce del torrente, distante pochi chilometri, ci sono un’oasi faunistica e le spiagge della riviera.