A Cefalù il XIV Forum dell’Informazione Cattolica

L'evento si svolgerà dal 6 all'8 settembre. Al centro della 14esima edizione “Ambiente, giovani e lavoro”

Cefalù_XIV Forum dell’Informazione Cattolica per la Custodia del Creato

Dal 6 all’8 settembre la Diocesi di Cefalù, in provincia di Palermo, ospita il XIV Forum dell’Informazione Cattolica per la Custodia del Creato. L’evento si svolgerà in occasione della XIV Giornata Nazionale per la Custodia del Creato e avrà come tema portante “Ambiente, giovani e lavoro”.

Il Forum è organizzato dall’associazione Greenaccord Onlus, in collaborazione con l’Ufficio Nazionale per i Problemi Sociali e Lavoro della CEI e la Diocesi di Cefalù. L’appuntamento – giunto alla 14a edizione – ospiterà una quarantina di giornalisti. Obiettivo: indagare la ricchezza e la fragilità della biodiversità, riflettere sul ruolo dei giovani quali custodi del creato, analizzare le prospettive di lavoro che derivano dalla cura della casa comune. Tra i relatori il Vescovo Giuseppe Marciante, Rosanna Virgili, Andrea Masullo, Pippo Onufrio, Alessandra Bailo Modesti, Cecilia Costa.

Il programma del Forum

Il Forum si articola in due giornate e in tre sessioni di lavoro, affrontando lo stretto rapporto tra tre temi collegati tra loro: ambiente, giovani e lavoro. Si tiene presso il Santuario di Gibilmanna (sessioni di venerdì pomeriggio e sabato mattina) e presso il Teatro Cicero nella Città di Cefalù (sessione di sabato pomeriggio).

Nella sessione pomeridiana della prima giornata di venerdì 6 settembre, si parte con la presentazione del messaggio dei Vescovi italiani per la XIV giornata per la Custodia del Creato. Si prosegue con l’esame delle minacce alla ricchezza e al valore della biodiversità e degli ecosistemi: dopo aver valutato la biodiversità nel suo valore intrinseco e nella sua delicata e vitale funzione, ne viene data una chiave di lettura singolare valoriale con la disamina sui fondamenti teologici e biblici. A chiudere il tema, un focus sul territorio delle Madonie e la sua peculiare biodiversità. In chiusura un aggiornamento sulla preparazione del prossimo Sinodo sull’Amazzonia.

Nel corso della seconda giornata di sabato 7 settembre, viene dato spazio alla necessità e all’opportunità di confidare sui giovani per la cura della casa comune. Partendo dalla costatazione che gli adulti non mostrano segni di forte cambiamento negli stili di vita per far fronte alle sfide ambientali, in primis quella dei cambiamenti climatici, mediante una analisi sociologica e socio-politica, si analizza la sensibilità giovanile e la tipologia del conseguente impegno sulle tematiche ambientali. Parlando di impegno giovanile e ambiente non poteva mancare una riflessione accurata sul “fenomeno Greta Thunberg” per comprenderne l’estensione, la profondità e la valenza operativa. A chiudere la parte dedicata al mondo giovanile, l’analisi dell’impegno del mondo del volontariato all’interno del terzo settore e dei movimenti ambientalisti.

L’analisi della sensibilità giovanile sul tema ambientale è funzionale per introdurre i lavori della terza sessione dedicata al lavoro generato dalla cura della casa comune. Gli interventi previsti sono mirati a comprendere quanto e come i giovani di oggi vedano nei “green jobs” un’opportunità di impiego capace di produrre non solo lavoro ma anche promozione e cura del territorio e dell’ambiente.

Le testimonianze sulle esperienze lavorative giovanili in campo ambientale vanno dal comparto dell’accoglienza e del turismo eco-sostenibile, a quello del trekking e dell’enogastronomia di qualità.

A concludere il Forum, nella splendida cornica del Teatro Cicero di Cefalù, la serata per il conferimento del premio “Sentinella del Creato” che sarà attribuito a 3 giornalisti e alcune personalità che si sono distinte per la loro sensibilità ambientale. Conducono Roberto Amen della Rai ed Elena Scarici, giornalista di Nuova Stagione, con il contributo dell’artista Max Paiella.