giovedì 20 Gennaio 2022

Acquista

Login

Registrati

A Bologna, nel quartiere Pilastro, l’economia circolare è di casa

Il circolo di Legambiente L’Arboreto è un rihub del progetto Ecco. Tante le iniziative: dalla stoviglioteca a noleggio al servizio di prestito librario a domicilio

Nel rione Pilastro di Bologna, all’interno del Parco dell’Arboreto, sorge dal 2020 la casa di quartiere Ca’solare, luogo di incontro di diverse realtà territoriali. Tra queste è presente anche il circolo di Legambiente L’Arboreto che ha tra le sue caratteristiche anche quella di essere uno dei 15 ri-hub del progetto ECCO – Economie Circolari di COmunità , con l’obiettivo di promuovere e sviluppare l’economia circolare tramite un approccio inclusivo, in grado di generare benefici ambientali, economici e sociali. Il Ri-hub in questione sceglie di orientare le sue attività sulla prevenzione, il riutilizzo e il riciclo dei rifiuti, principi cardine dell’economia circolare. Il fiore all’occhiello di questi è l’ideazione del servizio di stoviglioteca a noleggio Sto.Ri.Bo’ – Stoviglie Riutilizzabili a Bologna. “Il consumo di posate, piatti e bicchieri monouso in plastica è ancora troppo diffuso e anche se il loro utilizzo dura solo pochi minuti, se non smaltiti correttamente finiscono nell’ambiente e le loro microplastiche possono inquinare per molti, troppi anni – spiega Teresa Panzarella, referente del ri-hub – Attraverso Sto.Ri.Bo’ puntiamo ad aumentare la consapevolezza delle persone sulla possibilità di ridurre i rifiuti a monte, attraverso il loro riutilizzo. Tutti dovremmo entrare nell’ottica che gli oggetti non si devono per forza possedere, ma anche solo prendere in prestito per il tempo necessario. Le persone interessate a svolgere un evento o una festa potranno contattarci per il noleggio delle stoviglie ritirando in loco tutto l’occorrente. Una volta finito penseremo noi al lavaggio e alla sanificazione, per un servizio sicuro e sostenibile”.
Il Covid ha rallentato l’avviamento delle attività, ma la vocazione inclusiva di Teresa e quella del suo collega Giulio Kerschbaumer non li ha fermati nell’intento di farsi conoscere nel quartiere e da aprile dello scorso anno sono riusciti ad attivare diverse iniziative solidali; tra queste nasce “DrinBò. C’è un libro per te”, servizio di prestito librario a domicilio pensato per tutte le categorie di persone impossibilitate o con difficoltà a raggiungere fisicamente il luogo della biblioteca.

È un progetto sperimentale avviato tramite la collaborazione delle biblioteche di Corticella- Luigi Fabbri, Luigi Spina e grazie al supporto di Coop Allenza 3,0, che ha permesso di effettuare le consegne in modo sostenibile con l’ausilio di una Cargo Bike. Dopo questo periodo, Teresa e Giulio hanno comunicato la data ufficiale di inaugurazione del Ca’ Solare prevista per il prossimo 22 maggio alle 16.00. L’intento futuro sarà quello di far vivere questo spazio come laboratorio di cultura sociale ed ambientale, in cui sperimentare forme di “welfare di comunità” attraverso la fitta rete di attori sociali attivi su tutto il territorio bolognese.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

 

Articoli correlati

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,812FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Ridimensiona font
Contrasto