lunedì 21 Giugno 2021

Acquista

Login

Registrati

40 anni di Nuova Ecologia. Nucleare in prima

Immagine della centrale nucleare Three Mile Island

Aprile 1979. Mezza copertina del nostro mensile la dedicammo al primo grave incidente in una centrale nucleare, accaduto il 29 marzo, pochi giorni prima della chiusura del numero che stampavamo in 10.000 copie alla tipografica di Milano del quotidiano il manifesto. L’incidente alla centrale Three Mile Island di Harrisburg in Pennsylvania (nella foto), che ha scosso le coscienze in tutto il mondo e dato forza ai movimenti antinucleari in Europa e America, fu meno grave di quello che sarebbe avvenuto ad aprile 1986 a Cernobyl in Ucraina, ma con una preoccupante fuga di materiale radioattivo nell’ambiente esterno. Per dimostrare oggettivamente i rischi, la confusione e la mancanza di sicurezza del nucleare la redazione decise di pubblicare la traduzione integrale (4 pagine fitte) dei dispacci dell’Agenzia di controllo nucleare del governo statunitense. “Non c’è da fidarci di quel che raccontano i governi sulla sicurezza del nucleare – scrivevo nel mio editoriale – ma poiché non vogliamo reazioni emotive sosteniamo una seria politica di risparmio energetico e il ricorso alle risorse rinnovabili capaci di trasformare la produzione e la vita”. Il secondo titolo di copertina del numero è un’analisi del piano triennale del governo di allora, il quinto esecutivo guidato da Giulio Andreotti, il primo a dedicare una parte sull’ambiente (il ministero non c’era ancora), firmato da Virginio Bettini, Laura Conti e Giorgio Nebbia.

Nuova Ecologia cover aprile 1979La copertina del n. 4 aprile 1979 di Nuova Ecologia

Un numero de La Nuova Ecologia smilzo quello di aprile di 40 anni fa, appena 16 pagine, perché il precedente di marzo ne contava ben 40: una monografia scritta con e da architetti e ingegneri del Politecnico di Milano (Gianni Silvestrini, Gianni Scudo, Maria Bottero), dal titolo “Il sole in casa”, dedicato all’architettura bioclimatica. Come costruire o ristrutturare case che non avevano più bisogno di caldaie, perché́ ben isolate ma soprattutto capaci di regolare la temperatura interna sfruttando il sole, l’aria, l’accumulo dei muri, pannelli solari e rinnovabili di prossimità. Oggi la chiamiamo edilizia passiva, gli attribuiamo la classe A, oro o platino, parliamo di “zero emissioni”, si progetta al computer, ma i principi guida si mettevano a punto allora, negli esempi sperimentali illustrati sul nostro giornale.

di Andrea Poggio
Vicedirettore di “Nuova Ecologia” dal 1980 al 1983, direttore responsabile nel 1984

Articolo tratto dal numero di aprile 2019 di Nuova Ecologia

Andrea Poggio
Segreteria nazionale Legambiente. socio fondatore. responsabile mobilità sostenibile e stili di vita (www.viviconstile.org). Autore di Vivi con stile (2007). Viaggiare leggeri (2008). Green Life. (2007). Twitter: ap_legambiente FB: viviconstile.org

Articoli correlati

Traffico illecito di rifiuti: 29 arresti in Calabria

Custodia cautelare in carcere per quindici degli indagati, domiciliari per gli altri. L'operazione diretta e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro

Capraia, conclusa la bonifica dell’amianto

La prima fu promossa nel 2012 e sanò oltre 12 tonnellate di manufatti . Questa volta sono più di 13 quelle rimosse

La siccità rischia di essere “la prossima pandemia”

Ad affermarlo è l'Onu in un nuovo report. Almeno 1,5 miliardi di persone sono state direttamente colpite in questo secolo con un costo stimato di 124 miliardi di dollari

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Capraia, conclusa la bonifica dell’amianto

La prima fu promossa nel 2012 e sanò oltre 12 tonnellate di manufatti . Questa volta sono più di 13 quelle rimosse

“Tra le pagine del mare”, il concorso letterario che racconta le località costiere italiane

L'iniziativa è organizzata dall’Osservatorio Paesaggi Costieri Italiani di Legambiente, in collaborazione con Primiceri Editore. Saranno selezionati brevi racconti inediti, ambientati nei centri del nostro Paese affacciati sul mare

Dal 18 al 27 giugno il Decrescita Felice Bike Tour 2021

La manifestazione è alla sua sesta edizione. Un percorso di 300 km a tappe per amanti delle due ruote organizzato da Movimento per la Decrescita Felice e Altri Mondi Bike Tour

Roma, il Festival circolare alla Città dell’altra economia

Dal 16 al 18 giugno in mostra i protagonisti e le esperienze del progetto di educazione alla cittadinanza globale “Metti in circolo il cambiamento”. Spazio alle tredici idee vincitrici e alle esperienze di imprenditoria circolare

Sos tartarughe marine

Legambiente lancia un numero unico per raccogliere le segnalazioni di tracce o di piccoli di tartaruga sui litorali italiani. Un invito a mobilitarsi in modo semplice, inviando un messaggio whatsApp o un sms al 349 2100989
Ridimensiona font
Contrasto