sabato 28 Novembre 2020

40 anni di Nuova Ecologia. Nucleare in prima

Immagine della centrale nucleare Three Mile Island

Aprile 1979. Mezza copertina del nostro mensile la dedicammo al primo grave incidente in una centrale nucleare, accaduto il 29 marzo, pochi giorni prima della chiusura del numero che stampavamo in 10.000 copie alla tipografica di Milano del quotidiano il manifesto. L’incidente alla centrale Three Mile Island di Harrisburg in Pennsylvania (nella foto), che ha scosso le coscienze in tutto il mondo e dato forza ai movimenti antinucleari in Europa e America, fu meno grave di quello che sarebbe avvenuto ad aprile 1986 a Cernobyl in Ucraina, ma con una preoccupante fuga di materiale radioattivo nell’ambiente esterno. Per dimostrare oggettivamente i rischi, la confusione e la mancanza di sicurezza del nucleare la redazione decise di pubblicare la traduzione integrale (4 pagine fitte) dei dispacci dell’Agenzia di controllo nucleare del governo statunitense. “Non c’è da fidarci di quel che raccontano i governi sulla sicurezza del nucleare – scrivevo nel mio editoriale – ma poiché non vogliamo reazioni emotive sosteniamo una seria politica di risparmio energetico e il ricorso alle risorse rinnovabili capaci di trasformare la produzione e la vita”. Il secondo titolo di copertina del numero è un’analisi del piano triennale del governo di allora, il quinto esecutivo guidato da Giulio Andreotti, il primo a dedicare una parte sull’ambiente (il ministero non c’era ancora), firmato da Virginio Bettini, Laura Conti e Giorgio Nebbia.

Nuova Ecologia cover aprile 1979La copertina del n. 4 aprile 1979 di Nuova Ecologia

Un numero de La Nuova Ecologia smilzo quello di aprile di 40 anni fa, appena 16 pagine, perché il precedente di marzo ne contava ben 40: una monografia scritta con e da architetti e ingegneri del Politecnico di Milano (Gianni Silvestrini, Gianni Scudo, Maria Bottero), dal titolo “Il sole in casa”, dedicato all’architettura bioclimatica. Come costruire o ristrutturare case che non avevano più bisogno di caldaie, perché́ ben isolate ma soprattutto capaci di regolare la temperatura interna sfruttando il sole, l’aria, l’accumulo dei muri, pannelli solari e rinnovabili di prossimità. Oggi la chiamiamo edilizia passiva, gli attribuiamo la classe A, oro o platino, parliamo di “zero emissioni”, si progetta al computer, ma i principi guida si mettevano a punto allora, negli esempi sperimentali illustrati sul nostro giornale.

di Andrea Poggio
Vicedirettore di “Nuova Ecologia” dal 1980 al 1983, direttore responsabile nel 1984

Articolo tratto dal numero di aprile 2019 di Nuova Ecologia

Andrea Poggio
Segreteria nazionale Legambiente. socio fondatore. responsabile mobilità sostenibile e stili di vita (www.viviconstile.org). Autore di Vivi con stile (2007). Viaggiare leggeri (2008). Green Life. (2007). Twitter: ap_legambiente FB: viviconstile.org

Articoli correlati

Messico, attivista ambientale sequestrato da 33 giorni

È Miguel Vasquez, trent'anni in difesa della natura, per bloccare le centrali idroelettriche. Presunti rapitori hanno fatto sparire ogni traccia

Al via la campagna “Compostabile, una scelta naturale” sul corretto smaltimento di biopolimeri

Vanno nell’umido insieme agli scarti di cucina, per essere trasformati in compost. BioTable e Legambiente per un’economia circolare

Le regioni con maggiori fragilità sociali sono anche quelle con più criticità ambientali

È quanto emerge dal rapporto "Territori civili. Indicatori, mappe e buone pratiche verso l’ecologia integrale" di Caritas e Legambiente che racconta il territorio italiano

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,148FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Messico, attivista ambientale sequestrato da 33 giorni

È Miguel Vasquez, trent'anni in difesa della natura, per bloccare le centrali idroelettriche. Presunti rapitori hanno fatto sparire ogni traccia

Al via la campagna “Compostabile, una scelta naturale” sul corretto smaltimento di biopolimeri

Vanno nell’umido insieme agli scarti di cucina, per essere trasformati in compost. BioTable e Legambiente per un’economia circolare

Le regioni con maggiori fragilità sociali sono anche quelle con più criticità ambientali

È quanto emerge dal rapporto "Territori civili. Indicatori, mappe e buone pratiche verso l’ecologia integrale" di Caritas e Legambiente che racconta il territorio italiano

Armi, secondo la Legge di Bilancio nel 2021 verranno spesi 6 miliardi di euro

Campagna Sbilanciamoci e Rete Italiana Pace e Disarmo: "Per noi è chiaro. Più sanità e istruzione, meno armamenti"

Alluvione a Crotone, “per l’emergenza climatica il tempo è scaduto”

Appello di Legambiente Calabria dopo l'ennessimo disastro ambientale nella città calabrese. La presidente Anna Parretta: "Indispensabile che la Regione Calabria affronti l’emergenza climatica a partire dai nodi irrisolti del dissesto idrogeologico, dell’abusivismo edilizio e delle scelte urbanistico-edilizie totalmente errate”