lunedì 30 Novembre 2020

Il 2020 si prepara a diventare l’anno più caldo

L'immagine di un'area desertica in Qatar

Il 2020 si avvia a diventare l’anno più caldo da quando sono iniziate le misurazioni, secondo i meteorologi, che stimano possa battere il record stabilito quattro anni fa. Anche se il blocco provocato dal Coronavirus ha temporaneamente “pulito” l’atmosfera, non ha avuto alcuna conseguenza sul clima, che ha bisogno di misure più profonde e continuative, come dicono gli scienziati.

Da gennaio, i record di temperatura sono stati superati dall’Antartico alla Groenlandia, fenomeno sorprendente visto che quest’anno non ha subito l’influenza di El Niño solitamente associato alle alte temperature. La National Oceanic and Atmospheric Administration degli Stati Uniti calcola che c’è una probabilità del 75% che il 2020 sia l’anno più caldo da quando sono iniziate le misurazioni.

Un calcolo separato di Gavin Schmidt, il direttore del Nasa Goddard Institute for Space Studies di New York, ha trovato una probabilità del 60% che quest’anno stabilisca un record. Il Met Office è più cauto, stimando una probabilità del 50%. In ogni caso, dunque, tutti sono concordi sull’anomalia climatica in atto.

Questo gennaio è stato il più caldo mai registrato, lasciando molte nazioni artiche senza neve. A febbraio, una base di ricerca in Antartide ha registrato per la prima volta una temperatura di oltre 20°C. All’altro capo del mondo Qaanaaq, in Groenlandia, ha stabilito il record di 6°C in una domenica di aprile.

Nel primo trimestre, il riscaldamento è stato più pronunciato in Europa orientale e in Asia, dove le temperature sono state di 3°C sopra la media. Nelle ultime settimane, gran parte degli Stati Uniti ha subito un soffocamento. Venerdì scorso, secondo il National Weather Service, il centro di Los Angeles ha raggiunto i 34°C , record per il mese di aprile. Anche l’Australia occidentale ha registrato un caldo record. 

Anche se la pandemia ha ridotto almeno temporaneamente la quantità di nuove emissioni, Karsten Haustein, specialista del clima all’Università di Oxford, ha detto che l’accumulo di gas serra nell’atmosfera rimane una preoccupazione enorme. “La crisi climatica continua senza sosta”, spiega Haustein in un articolo di Jonathan Watts del Guardian. “Le emissioni scenderanno quest’anno, ma le concentrazioni continuano ad aumentare. È molto improbabile che riusciremo a notare il rallentamento dell’aumento dei livelli di gas serra nell’atmosfera”. Ora, però, abbiamo l’opportunità unica di riconsiderare le nostre scelte e di usare la crisi del virus come catalizzatore per adottare energia e mezzi di trasporto più sostenibili.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Dissesto idrogeologico in Sardegna: manca un’efficace politica di prevenzione

Dopo i nubifragi, a Bitti (Nu) lunedì 30 novembre il summit dei massimi esponenti della categoria dei geologi

Presentazione della “Nuova Ecologia” di dicembre e della campagna “Unfakenews”

Appuntamento in diretta streaming lunedì 30 novembre alle ore 16:00, per parlare della campagna di Legambiente e “Nuova Ecologia” contro le bufale su ambiente e salute, delle 100 notizie verdi del 2020 e di molti altri contenuti

Coronavirus, a rischio la stagione sciistica. CIPRA: “Occasione per sviluppare un turismo invernale più sano”

La monocultura dello sci non è sostenibile e utilizza 100 milioni di denaro pubblico all'anno. Ma la Commissione Internazionale per la Protezione delle Alpi avverte: la montagna ha molto da offrire oltre alle piste

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,162FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Dissesto idrogeologico in Sardegna: manca un’efficace politica di prevenzione

Dopo i nubifragi, a Bitti (Nu) lunedì 30 novembre il summit dei massimi esponenti della categoria dei geologi

Presentazione della “Nuova Ecologia” di dicembre e della campagna “Unfakenews”

Appuntamento in diretta streaming lunedì 30 novembre alle ore 16:00, per parlare della campagna di Legambiente e “Nuova Ecologia” contro le bufale su ambiente e salute, delle 100 notizie verdi del 2020 e di molti altri contenuti

Coronavirus, a rischio la stagione sciistica. CIPRA: “Occasione per sviluppare un turismo invernale più sano”

La monocultura dello sci non è sostenibile e utilizza 100 milioni di denaro pubblico all'anno. Ma la Commissione Internazionale per la Protezione delle Alpi avverte: la montagna ha molto da offrire oltre alle piste

ECOFORUM VENETO 2020

Quinta Edizione di EcoForum Veneto in diretta streaming dalle 9.30 alle 12.30 IL PROGRAMMA

Messico, attivista ambientale sequestrato da 33 giorni

È Miguel Vasquez, trent'anni in difesa della natura, per bloccare le centrali idroelettriche. Presunti rapitori hanno fatto sparire ogni traccia