Vitigni al top

Sono 21 le eccellenze italiane, fra i vini biologici e biodinamici, premiate nel secondo workshop nazionale di agroecologia organizzato da Legambiente in Maremma

top vitigni

L’arte della viticoltura si rinnova lungo lo Stivale nel segno del bio. Lo dimostrano qualità e bontà dei vini premiati dalla XXIX rassegna-degustazione nazionale dei vini biologici e biodinamici realizzata in collaborazione con il gruppo bancario cooperativo Iccrea, con il patrocinio dell’università di Pisa – dipartimento di Scienze agrarie, alimentari e agroambientali, il corso di laurea Viticoltura ed enologia e con La Nuova Ecologia. Vini bianchi, rosati, spumanti, rossi affinati, dolci, orange: sono queste le sezioni in cui alcuni fra i vini bio più buoni del Paese si sono aggiudicati l’importante riconoscimento nell’ambito del secondo workshop nazionale dedicato all’agroecologia organizzato da Legambiente a Rispescia, in Maremma, il 6 giugno scorso. Ad aver selezionato i vini è stata una commissione formata da tecnici ed esperti degustatori presieduta da Giuseppe Ferroni, agronomo del dipartimento di Scienze agrarie, alimentari e agroambientali dell’università di Pisa.
«I vini biologici premiati testimoniano quanti passi avanti siano stati fatti negli ultimi anni in questo settore, che non rappresenta più una nicchia ma una realtà sempre più strutturata in maniera capillare in tutta la Penisola – spiega Angelo Gentili, responsabile agricoltura di Legambiente – Per questo motivo, quello con la rassegna-degustazione nazionale dei vini biologici e biodinamici rappresenta un appuntamento molto importante a cui l’associazione è particolarmente legata e trova riscontro in tutto il settore di riferimento».
Nata per valorizzare tutto il meglio del bio in Italia, la rassegna è diventata un momento di crescita per gli operatori in cui si rafforza la diffusione del biologico e il suo ruolo nel vincere la sfida dei cambiamenti climatici. «Oggi – aggiunge Angelo Gentili – il settore vitivinicolo, con la forte crescita del biologico, sta facendo da apripista rispetto all’intero modello agricolo che deve andare sempre di più in questa direzione. In questa ottica, la rassegna-degustazione nazionale dei vini biologici e biodinamici rappresenta un prezioso elemento nel mosaico delle azioni che ciascuno deve mettere in pratica per salvare il Pianeta, passando anche e soprattutto dall’agricoltura, dall’abbattimento dell’utilizzo della chimica e dall’adozione di un modello davvero agroecologico».
Le aziende vinicole premiate sono, infatti, avamposti di futuro e nell’opinione dell’associazione è prioritario raccontare le loro esperienze, metterle in circolo e consentirgli di fare sempre di più rete. Anche per questo scopo è nato anche il portale agricoltura di Legambiente. l
info agricoltura.legambiente.it

I vini selezionati

Selezione Spumanti  

Valdobbiadene Dop/Docg Extra Dry Stramaret 2018 Az. Agr. Stramaret, Valdobbiadene (Tv)

Piemonte Brachetto Dop/Doc 2018 Fratelli Rovero, Asti (At)

 

Selezione Vini Bianchi

Gavi Dop/Docg frizzante Sparkling Spinola 2018 Castello di Tassarolo, Tassarolo (Al)

Sicilia Dop/Doc Superiore Giato Grillo-Catarratto 2018 Centopassi – Libera Terra, San Giuseppe Jato (Pa)

Maremma Toscana Dop/Doc Vermentino 2018 La Selva Soc. Bioagricola, Orbetello (Gr)

Lazio Igp/Igt Filippo 2018 Società Agricola Villa Caviciana, Grotte di Castro (Vt)

 

Selezione Vini Rosati

Lagrein Kretzer Trentino Dop/Doc 2018 Cantina Toblino Sca, Madruzzo (Tn)

 

Selezione Rossi Affinati

Beneventano Rosso Igp/Igt Simbiosi 2016 Fattoria La Rivolta, Torrecuso (Bn)

Valpolicella Superiore Dop/Doc  2015 Az. Agr Bettili Cristiana, Cavaion Veronese (Vr)

Costa Toscana Rosso Igp/Igt  2015 Soc.Agricola Ampeleia Srl, Roccatederighi (Gr)

Morellino di Scansano Dop/Docg Riserva Colli dell’Uccellina 2016 La Selva Soc. Bioagricola, Orbetello (Gr)

 

Selezione Vini Dolci

Vin Santo Dop/Doc Colli Etruria Centrale 2009 Fattoria Loppiano di Figline-Incisa Valdarno (Fi)

 

Selezione Vini da uve di vitigni Autoctoni

Lazio Igp/Igt Bellone Capolemole 2018 Az. Agr. Marco Carpineti, Cori (Lt)

Cannonau di Sardegna Dop 2018 Az. Agr. Luigi Cuccaru, Sassari

Aglianico del Vulture Dop/Doc Teodosio 2015 Basilisco Soc.Agr. Srl, Barile (Pz)

Recioto di Soave Dop/Docg Arzimo 2015 La Cappuccina, Monteforte d’Alpone (Vr)

 

Selezione Vini Orange

Toscana Igp/Igt Verment’oro 2018 Soc. Agr. Sequerciani, Gavorrano (Gr)

 

Miglior abbinamento con piatti vegetariani e vegani

Offida Pecorino Dop/Docg 2018 Villa Imperium di G.Cocci Grifoni, Ripatransone (Ap)

Monferrato Rosso Dop/Doc 2018 Castello di Tassarolo, Tassarolo (Al)

Miglior rapporto qualità/prezzo:

Bianchi
Falerio Dop/Doc 2018
Saladini Pilastri, Spinetoli (Ap)

Rossi affinati 
Trentino Cabernet Sauvignon Dop/Doc 2016
Cantina Aldeno Sca, Trento

 

Graditi al pubblico giovane

Sei neolaureandi del Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia dell’Università di Pisa hanno selezionato:

Spumanti  
Spumante Brut Lorenzo 2018 Società Agricola Villa Caviciana, Grotte di Castro (Vt)

Bianchi  
Offida Pecorino Dop/Docg 2018
Saladini Pilastri, Spinetoli (AP); Taburno Falanghina del Sannio Dop 2018 Fattoria La Rivolta, Torrecuso (Bn)

Rossi Giovani   
Maremma Toscana Rosso Dop/Doc Arnaio 2017 Valdonica Srl, Sassofortino (GR)

Rossi Affinati  
Lazio Igp/Igt Rosso Letizia 2015 Soc. Agricola Villa Caviciana, Grotte di Castro (Vt)

Bolgheri Superiore Dop/Doc; Mulini di Segalari 2015 Soc.Agr. Mulini di Segalari Snc, Castagneto Carducci (Li)

Vini Dolci   
Goldtraminer Vigneti delle Dolomiti IGT 2016 Cantina Toblino Sca, Madruzzo (Tn)

 

NOTA

I vini partecipanti sono stati esaminati e valutati, previa anonimizzazione dei campioni, e sono stati selezionati tenendo conto dell

New Balance Popular Collection