martedì 18 Maggio 2021

Acquista

Login

Registrati

101 Premi Nobel contro i combustibili fossili

Il Dalai Lama tra i firmatari di una lettera ai leader mondiali per chiedere un rapido passaggio alle energie rinnovabili. Per una transizione rapida e giusta

Centouno premi Nobel, compreso il Dalai Lama, chiedono ai governi di tutto il mondo di firmare un trattato di non proliferazione sui combustibili fossili. Un modo per aiutare ad affrontare la crisi climatica. In una lettera aperta ai leader mondiali pubblicata mercoledì, ex presidenti, scienziati, romanzieri e leader religiosi esortano i governi a impegnarsi per una transizione rapida e giusta dai combustibili fossili e un “piano di trasformazione” per garantire che tutti nel mondo abbiano accesso energia rinnovabile. “Il cambiamento climatico sta minacciando centinaia di milioni di vite e mezzi di sussistenza in tutti i continenti e sta mettendo a rischio migliaia di specie – affermano – La combustione di combustibili fossili – carbone, petrolio e gas – è di gran lunga il contributo principale”.

La lettera, che precede una conferenza internazionale chiave sul clima che si terrà a Glasgow quest’anno, invita i leader mondiali a porre fine a qualsiasi nuova espansione della produzione di petrolio e carbone, eliminare gradualmente l’estrazione di combustibili fossili esistenti in modo “giusto ed equo” e investire in un “piano di trasformazione” per garantire il 100% di accesso alle energie rinnovabili a livello globale


Fermare la crisi climatica

I firmatari sono esperti nel campo della pace, dei diritti umani, della sicurezza, dell’economia, della letteratura e delle scienze naturali e affermano di “essere colti dalla grande questione morale del nostro tempo: la crisi climatica e la distruzione proporzionale della natura”. “La soluzione è chiara”, aggiunge la lettera. “I combustibili fossili devono essere mantenuti nel sottosuolo. I leader, non l’industria, detengono il potere e hanno la responsabilità morale di intraprendere azioni coraggiose per affrontare questa crisi “.

Verso Glasgow

La lettera, che precede una conferenza internazionale chiave sul clima che si terrà a Glasgow quest’anno, invita i leader mondiali a porre fine a qualsiasi nuova espansione della produzione di petrolio e carbone, eliminare gradualmente l’estrazione di combustibili fossili esistenti in modo “giusto ed equo” e investire in un “piano di trasformazione” per garantire il 100% di accesso alle energie rinnovabili a livello globale. La chiamata è sostenuta da gruppi di campagne ambientali e think tank di tutto il mondo. In una lettera di sostegno inviata ai leader politici scrivono che le richieste dei vincitori del premio Nobel “fanno eco all’appello di miliardi di persone in tutto il mondo per un’azione rapida ed equa sulla crisi climatica”.

L’idea di un trattato di non proliferazione dei combustibili fossili è stata sollevata per la prima volta da Andrew Simms del New Weather Institute e Peter Newell della Sussex University.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

LOTTA ALL’AGROPIRATERIA E SICUREZZA ALIMENTARE

Il webinar su una riforma necessaria

Reggia di Caserta, i bambini coltivano gli orti didattici

I ragazzini dell’Istituto Calcara di Marcianise (Ce) hanno avviato le prime attività agricole grazie al progetto Horticultura della coop. Terra Felix. Appuntamento al 24 maggio

Leonardo DiCaprio ha promesso 43 milioni di dollari per il ripristino delle Galapagos

L'iniziativa è in collaborazione con l'organizzazione Re:Wild. L'obiettivo è la reintroduzione di 13 specie estinte nelle isole. Ma non solo

Seguici sui nostri Social

16,978FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Reggia di Caserta, i bambini coltivano gli orti didattici

I ragazzini dell’Istituto Calcara di Marcianise (Ce) hanno avviato le prime attività agricole grazie al progetto Horticultura della coop. Terra Felix. Appuntamento al 24 maggio

Clean beach tour, Piero Pelù e Legambiente in Toscana per liberare le spiagge dai rifiuti

Tappa a sorpresa a Marina di Alberese. Un centinaio di persone hanno partecipato alla pulizia nel Parco della Maremma, nel rispetto delle misure di sicurezza anti-Covid

Treni a idrogeno, perché non sono né pronti né verdi

Anche quando, dopo il 2040, l’idrogeno sarà prodotto solo da elettricità rinnovabile, occorreranno comunque il doppio di bacini idrici, di condotte idrauliche e pannelli solari per azionare gli elettrolizzatori e mettere in moto i locomotori

A Bologna, nel quartiere Pilastro, l’economia circolare è di casa

Il circolo di Legambiente L'Arboreto che è un rihub del progetto Ecco. Tante le iniziative: dalla stoviglioteca a noleggio al servizio di prestito librario a domicilio

International Day of Light, 7 scienziati che hanno rivoluzionato il mondo dell’energia

Il 16 maggio si celebra la Giornata internazionale della luce. Da Benjamin Franklin a Nikola Tesla, le persone che hanno illuminato il mondo  
Ridimensiona font
Contrasto